Verona, incentivi per le imprese che investono in innovazione tecnologica

Al via il nuovo bando per l’innovazione della Camera di Commercio di Verona. Domande dal 9 settembre.

1 milione e 700 mila euro totali per incentivare lo sviluppo innovativo delle aziende del territorio veronese. È quanto prevede il nuovo bando della Camera di Commercio di Verona, che si rivolge alle micro, piccole e medie imprese della provincia scaligera.

Un’opportunità da cogliere al volo, per tutte quelle aziende che guardano al futuro del proprio business e che vogliono puntare sull’innovazione di prodotto o di processo per raggiungere nuove fette di mercato.

I fondi a disposizione

Il bando prevede due linee di interventi:

  • MISURA A – 1 milione e 300 mila euro, per investimenti da € 5.000,00 ad € 29.999,99
  • MISURA B – 400 mila euro, per investimenti uguali o superiori ad € 30.000,00

Chi può partecipare

Possono fare domanda di partecipazione le micro, piccole e medie imprese (MPMI) in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere sede legale e/o unità locali produttive in provincia di Verona;
  • essere attive;
  • essere in regola con le iscrizioni al Registro delle Imprese e/o REA e agli Albi, Ruoli e Registri camerali, obbligatori per le relative attività;
  • non essere sottoposte a procedure concorsuali di cui al R.D. 16/03/1942, n. 267 o a liquidazione e non trovarsi in stato di difficoltà ai sensi della Comunicazione della Commissione Europea 2014/C249/01;
  • non aver ottenuto, sulle stesse iniziative o programmi realizzati aventi ad oggetto gli stessi costi ammissibili, benefici finanziari dalla Camera di Commercio, dallo Stato, dalla Regione o da altri Enti Pubblici, anche per il tramite di enti privati, con esclusione delle eventuali agevolazioni fiscali previste da norme nazionali sugli investimenti.
VAI AL BANDO COMPLETO

Le spese ammissibili

Sono considerate ammissibili le spese sostenute per:

  • inserimento di metodologie di progettazione automatica collegata col processo produttivo (CAD);
  • inserimento di tecniche di automazione di fabbrica supportate da elaboratore (CAM);
  • inserimento di metodologie di controllo globale della qualità del prodotto;
  • inserimento di nuove tecnologie all’interno di processi o prodotti tradizionali tecnologicamente maturi;
  • rinnovo per l’ammodernamento di macchinari ed impianti tecnologici con esclusione degli impianti previsti dall’articolo 1 del D.M. 37/08;
  • inserimento di sistemi informatici e di telecomunicazione innovativi, esclusa la creazione di siti Internet e l’applicazione della normativa sulla privacy;
  • installazione di sistemi antifurto, antirapina (compresi centraline, sensori volumetrici, dispositivi di protezione perimetrale e telecamere di videosorveglianza) – tali
  • investimenti non sono soggetti all’esclusione di cui all’articolo 1 del citato D.M. 37/08.
  • inserimento di soluzioni per la mobilità sostenibile, ivi compresi i punti di ricarica auto o bici elettriche.
VAI AL BANDO COMPLETO

Scadenze

Le domande possono essere inviate, esclusivamente in modalità telematica, dalle ore 8:00 del 09 settembre 2019 alle ore 21:00 del 16 settembre 2019, per spese sostenute dal 17 settembre 2019 al 2 marzo 2020.

Sei interessato? Contattaci!

I consulenti CNA Vicenza sono a disposizione delle aziende interessate, per supportarle nella valutazione dei requisiti di ammissione al bando e affiancarle nella presentazione delle domande.

Gli sportelli CNA per raccogliere le domande di adesione saranno operativi a partire da lunedì 26 agosto.

Contatta i nostri uffici alla mail mestieri@cnavicenza.it o chiamaci al numero 0444 569 900.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now Button